Comuni Italiani Curiosità su Savona. Parliamo di: I liguri e la desinenza -ona, la famiglia dei Della Rovere e i Papi, la Fortezza di Priamar e Giuseppe Mazzini, il chinotto e il suo liquore, le spiagge delle Fornaci e della Natarella

Appunti e Curiosità su Savona

Savona come Barcellona! Infatti i Liguri hanno lasciato traccia linguistica di sé nelle desinenze dei toponimi che finiscono in -ona, come Narbona, Barcellona e Savona. Non è ancora chiaro se questa antica popolazione fosse appartenente al ceppo indoeuropeo (strettamente imparentato con i Celti) o pre-indoeuropeo (e semmai ibridatosi in un secondo momento con in Celti); quel che è certo è che furono un'importante civilizzazione che si diffuse in Francia meridionale, Catalogna ed Italia del nord.

Originaria di Savona era la nobile famiglia dei Della Rovere che, fra le più influenti del Rinascimento, espresse ben due papi, Sisto IV e Giulio II. Il primo fece costruire una cappella in Roma, a lui dedicata: la Cappella Sistina. Il secondo, fu un importante uomo politico e di stato, che - come Papa guerriero - accrebbe l'influenza e i territori dello Stato della Chiesa. Occhio che a Savona potete trovare un'altra Cappella Sistina, l'unica a portare questo nome dopo quella in Roma!

A Savona fu più volte alloggiato in semicattività il papa Pio VII. Quest'ultimo, nell'ottocento, fu protagonista di una strenua battaglia con la Francia Imperiale di Napoleone che, prima, si appoggiò alla Chiesa per legittimare il suo potere non più giacobino, poi si ritorse contro Roma quando Pio VII si rifiutò di riconoscere l'investitura di alcuni vescovi francesi effettuata autonomamente dal Bonaparte, nel tentativo di affermare una superiorità dello Stato sulla Chiesa, non solo dal punto di vista temporale, ma anche spirituale. Dopo una grossa crisi fra Vaticano e Francia a colpi di scomuniche e di invasione delle truppe francesi del territorio della Chiesa, Pio VII si persuase di annullare un concordato precedentemente estorto da Napoleone con la violenza. Arrestato e condotto nuovamente in prigionia a Savona, riuscì rapidamente a liberarsi grazie alla simultanea sconfitta del condottiero còrso a Lipsia.

Il Santuario della Madonna della Misericordia è dedicata alla Santa Patrona della città ed è un sontuoso esempio di fabbrica barocca che, al proprio interno, può vantare un magnifico altare di Gian Lorenzo Bernini e preziose tele del Domenichino. La statua della patrona fu incoronata direttamente da Pio VII alla fine della sua cattività.

La Fortezza di Priamar è un fantastico esempio di architettura militare eretta nel 1542 dai Genovesi quando ebbero piegato la città e decisero di dotarla di un sistema difensivo adeguato al peso che la Repubblica Genovese ricopriva nel delicato sistema di equilibri territoriali nell'Europa di allora. Il bastione, sontuoso ed imponente, che prende il nome da una collina omonima che significa pietra sul mare, fu però, purtroppo, edificato laddove sorgeva una cattedrale, che documenti storici ci attestano fosse fra le più belle in Italia. La fortezza nei secoli è stata anche prigione; qui fu detenuto Giuseppe Mazzini.

Il Palazzo Della Rovere è un'importante testimonianza del celebre architetto fiorentino Giuliano da Sangallo, fra le firme più importanti del Rinascimento, prediletto di Lorenzo il Magnifico e continuatore di una tradizione classicista brunelleschiana e bramantesca.

A Savona fatevi un chinotto! Eh si, è questa la città del celebre agrume e della gustosa bevanda icona del Made in Italy. In realtà la pianta, particolare specie variazione dell'arancia amara, diventa commestibile a seguito di un laborioso processo di lavorazione che prevedeva una lunga salamoia in acqua di mare e una bollitura. Anticamente, in città, non era raro trovare un liquore di chinotto veramente unico, che la protezione oggi accordata alla produzione savonese da Slow Food (associazione sorta a difesa delle produzioni tipiche e a difesa del buon gusto), dovrebbe consentirci di gustare nuovamente.

In città c'è un bel museo dedicato alla nota scultrice savonese, Renata Cuneo, fra l'altro autrice di un bellissimo Ecce Homo utilizzato in occasione della celebre processione cittadina del Venerdì Santo, fra le feste folkloristiche più belle in Liguria.

Savona è Bandiera Blu d'Europa per le spiagge delle Fornaci e della Natarella e per l'approdo turistico della Vecchia Darsena. Qui, la sera, fra ristorantini e locali, il divertimento è assicurato!

Per segnalare aggiunte o correzioni da effettuare sulla scheda del comune di Savona, inviaci un'email

Pagine Utili
Scheda comune di Savona
Foto su Savona
Informazioni su Regione Liguria
Appunti e Curiosità Città Italia
Siti savonesi
Province Liguria

Cerca nel sito

 
Comuni-Italiani.it © 2004/2017 Prometheo  

Informativa Privacy - Note sui Dati

 
Comuni Provincia di Savona: Comune di Spotorno Comune di Sassello Lista