Comuni Italiani Blasonatura degli stemmi comunali della provincia di Salerno (Regione Campania). Lista descrizioni araldiche, loghi dei comuni

Stemmi Comuni Prov. di Salerno

Stemma di Agropoli
In capo, le chiavi con il cannello molto allungato, con gli ingegni all'insù, e le impugnature a trifoglio forato. Tre torri merlate alla guelfa, ordinate in fascia, la torre centrale più alta e più larga posta in cuore, le altre due nei fianchi destro e sinistro. In punta, una cortina di muro, priva di merli, munita di porta centrale
Stemma di Alfano
D'oro alla lettera A, delineata con il carattere lapidario romano; di nero, accompagnata da due palle di rosso. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di Altavilla Silentina
Scudo di forma appuntita, con fondo azzurro con al centro tre torri di due palchi, di rosso, mattonate di nero, merlate in ogni palco di tre alla guelfa, la torre centrale, più alta e più larga, chiusa di nero e finestrata con tre finestrelle tonde, dello stesso, due ordinate in fascia nel palco inferiore, una nel palco superiore, le torri laterali chiuse di nero finestrate con due finestrelle tonde, una in ogni palco, di nero, esse torri sormontate da tre stelle di otto raggi, d'oro, poste una, due, e fondate sulla pianura verde
Stemma di Ascea
Aquila Reale dal volo abbassato al naturale su sfondo d'argento, con sovrastante corona reale e adornato da rami di alloro e quercia legati alla base da nastro rosa
Stemma di Auletta
Troncato nel PRIMO di azzurro alla casa al naturale, aperta e finestrata di nero. Nel SECONDO di argento al giglio di rosso. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di Battipaglia
Inquartato d'oro, quarto superiore destro azzurro con spiga di grano d'oro, quarto inferiore sinistro rosso con lambello d'argento, il capo rosso
Stemma di Bracigliano
Di rosso, al leone d'argento, addestrato da due rami di palma al naturale divergenti ed accompagnato in punta da otto bisanti, pure d'argento, ordinati in fascia (4 - 4). Ornamenti esteriori da Comune i rami di quercia, ulivo, il nastro e la corona
Stemma di Buonabitacolo
Bandato d'azzurro e d'oro, al leone di rosso tenente nella branca destra una mitria vescovile d'argento
Stemma di Camerota
Stemma d'argento, alla casa d'oro, vista in prospettiva con la facciata a sinistra, coperta di rosso, chiusa di nero, finestrata sul fianco di uno, dello stesso, sostenuta dal mare di azzurro fluttuoso d'argento, munita sul fianco di due ruote di otto raggi, di nero, attraversati sul detto fianco e sul mare, metà e metà
Stemma di Capaccio
Tre torri e tre monti che sovrastano i campi arati della piana, la cui fertilità è attestata dal mazzo di prodotti argricoli e la luna calante
Stemma di Castel San Giorgio
Raffigura San Giorgio su cavallo con lancia
Stemma di Cava de' Tirreni
Partito: nel PRIMO, palato di quattro di rosso e d'oro; nel SECONDO, d'argento alle tre fasce di rosso. Ornamenti esteriori da città
Stemma di Controne
Al centro dello scudo vi è un'aquila bicipite, di colore grigio, con le ali spiegate, lo scudo è sormontato da una corona con cinque punte visibili
Stemma di Corbara
Corvo nero su picco di montagna verde, il tutto su fondo celeste, sormontato dalla corona di comune
Stemma di Felitto
Scudo d'argento, alla base campo verde e al centro un olmo (campestre) frondoso e su di esso un gallo vigilante. Lo scudo è sormontato da corono a tre stadi merlata. Alla base, a semicerchio legati da nastro rosso, due rami: uno d'alloro e uno di quercia con bacche. Chiude una banda azzurra con su scritto Felitto
Stemma di Fisciano
Troncato semipartito con la fascia in filetto d'oro sulla troncatura: il PRIMO, di azzurro, al busto di San Vincenzo Ferreri, sostenuto dalla fascia in filetto, il viso, il collo, le mani di carnagione, vestito di nero e di bianco al naturale, il capo ornato dalla lingua di fuoco di rosso, aureolato d'oro, capelluto di nero, benedicente con la mano destra, la mano sinistra tenente stretto al petto il libro aperto, d'oro, recante la scritta, in lettere di nero, TIMETE DEUM ET DATE ILLI HONOREM, il Santo accompagnato da due rose di rosso bottonate d'oro, una a destra, l'altra a sinistra; il SECONDO, di rosso, al libro aperto d'oro; il TERZO, di azzurro, alla ruota dentata di quattro raggi, di nero, attraversata da due spighe di grano, poste in decusse, d'oro. Sotto lo scudo, su lista bifida e svolazzante di azzurro, il motto, in lettere maiuscole di nero, A LUCE PRIMORDIA DUCIT - NATURA POTENTIOR ARS. Ornamenti esteriori da Città
Stemma di Giffoni Valle Piana
D'azzurro, al monte di tre colli di verde, quello centrale cimato da un grifo sedente, al naturale, recante nel becco un ramoscello d'olivo, ed i due laterali pure cimati da due pini al naturale. Il monte caricato di un tempio, al naturale. Lo scudo sarà fregiato da ornamenti esteriori di comune
Stemma di Gioi
D'azzurro, ai cinque colli all'italiana di marcata altezza di verde uniti, fondati in punta, il colle centrale più alto, quelli intermedi di altezza meridiana, quelli laterali più bassi e uniti ai fianchi dello scudo con lo scaglione diminuito di argento, sostenuto dai colli laterali, con il vertice appuntato al lembo superiore dello scudo. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di Giungano
D'oro a tre fiori di giunchiglia al naturale posti in palo, nodriti in un mare di azzurro ondato d'argento. Ornamenti esteriori da Comuni
Stemma di Laureana Cilento
Pianta di alloro in campo azzurro, racchiusa in uno scudo sormontato da una corona turrita e circondato, nella parte inferiore, da palme di quercia e alloro
Stemma di Laurito
Di azzurro, al castello di rosso, mattonato di nero, merlato alla guelfa di nove, munito di tre torri, la torre centrale più alta, più larga e di due palchi, ogni palco merlato alla guelfa di quattro e finestrato di nero, le torri laterali merlate alla guelfa di quattro e finestrate di nero, esso castello attraversante con le tre torri e con la cornice del fastigio merlata la parte alta (testa, ali, petto) dell'aquila di argento, allumata e linguata di rosso, e attraversato nella parte inferiore dalla parte bassa (addome, arti, coda) della detta aquila. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di Magliano Vetere
Di azzurro, alla montagna di rosso, fondata in punta, uscente dai fianchi, accompagnata da quattro magli, due a destra posti in sbarra, due a sinistra posti in banda, essi magli con i ferri di nero, uno sull'altro e affrontati, le bocche all'insù, con i manici di rosso; il tutto accompagnato in capo dalla stella di otto raggi, d'oro. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di Maiori
Scudo inquartato e sormontato da corona per il titolo di comune. Nel primo quarto a sinistra su sfondo d'oro, un castello al naturale posto su di un monte di colore verde. Nel secondo a destra su sfondo azzurro una scimitarra al naturale, posta in banda, con impugnatura in basso. Nel terzo su sfondo azzurro, un cavalluccio marino al naturale. Nel quarto a destra, su sfondo d'oro, una ruota di mulino al naturale
Stemma di Mercato San Severino
D'azzurro, alla fascia d'argento, carica delle lettere V. S. S. di nero, accompagnato in capo della figura del vescovo San Severino nascente, in punta, da una stella d'oro. Lo scudo è sormontato da una corona formata da un cerchio di muro d'oro aperto di quattro parti e sormontato da otto merli dello stesso uniti da muricciuoli d'argento
Stemma di Nocera Inferiore
Corona di città d'oro, campo in oro, una pianta di noce con frutti d'oro, sradicata, chioma verde con fusto e radici al naturale, bordatura diminuita in rosso fascia color cremisi sulla quale sono riportate in oro "URBS NUCERIA" caratteri Romani, poste verticalmente con le iniziali U all'insù, la parola NUCERIA con la A finale all'insù, bordatura in oro lungo tutto la fascia. Ornamenti esteriori della città
Stemma di Nocera Superiore
D'azzurro, al noce sradicato, di verde, fruttato d'oro, accompagnato ai fianchi delle parole "urbs nuceria" in lettere maiuscole romane d'oro, poste verticalmente, la parola "urbs" in bordatura nel fianco destro con la "u" iniziale all'insù, la parola "nuceria" in bordatura nel fianco sinistro e con la "a" finale all'insù. Ornamenti esteriori di città
Stemma di Novi Velia
D'azzurro, al torrione d'argento, murato di nero, chiuso dello stesso, munito di finestrella tonda, di nero, merlato alla guelfa di quattro. Accompagnato da nove stelle di sei raggi d'oro, quattro poste a destra sul fianco del torrione, ordinate una due una, quattro poste a sinistra del torrione, ugualmente ordinate, la nona posta in punta sotto la porta. Ornamenti esteriori del Comune
Stemma di Ogliastro Cilento
Pianta d'ulivo su fondo rosso e blu con alla base zona marrone raffigurante zolle di terra. L'insieme racchiuso in una figura geometrica a scudo
Stemma di Oliveto Citra
D'argento, a quattro potisse di azzurro passanti dietro un albero al naturale e radicato. Lo scudo è cimato da corona comitale e accollato a due rami d'alloro e di quercia passati in croce di Sant'Andrea
Stemma di Positano
D'argento, al castello triturrito, la torre centrale più alta, le torri merlate ciascuna di quattro alla guelfa, il fastigio privo di merli, esso castello di rosso, mattonato di nero, chiuso dello stesso, finestrato di cinque, tre nelle torri, due tonde nel corpo del castello, di nero, fondato sulla campagna di azzurro, mareggiata d'argento. Sotto lo scudo, su lista bifida svolazzante di argento, il motto, in lettere maiuscole di rosso, SIRENUM TERRA. Ornamenti esteriori da comune
Stemma di Praiano
D'azzurro, a tre bande d'oro, il tutto abbassato sotto un capo di argento caricato di tre arance al naturale in fascia, quella centrale gambuta e fogliata di due di verde; il capo e sostenuto da una trangla di rosso. Segni esterni di Comune
Stemma di Prignano Cilento
Inquartato: nel PRIMO, di azzurro, alla colomba d'argento, volante, in profilo; nel SECONDO, di azzurro, alla mezzaluna montante, d'oro; nel TERZO, fasciato d'oro e di rosso di quattro pezzi; nel QUARTO, d'argento, alle tre bande di azzurro, al capo di rosso, caricato da tre stelle di otto raggi, d'oro. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di Ravello
Tre bande rosse orizzontali su campo bianco
Stemma di Ricigliano
Di argento, al San Cristoforo di carnagione, capelluto e barbuto di nero, aureolato d'oro, il corpo di tre quarti a sinistra, la testa volta a sinistra, le gambe parzialmente immerse e attraversanti il fiume di azzurro, fluttuoso di argento, fondato in punta e uscente dai fianchi, il Santo con il petto e i lombi avvolti dal grande manto di rosso, sostenente sulla spalla sinistra il Divino Fanciullo, in maestà, di carnagione, aureolato d'oro, capelluto di nero, con la mano destra alzata verso l'alto, il Santo afferrante con entrambe le mani il bastone di legno al naturale, posto in sbarra alzata, ornato sulla sommità da tre palme di verde, il bastone attraversante il Santo, il fiume e in esso immerso. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di Roccadaspide
D'argento, al castello di rosso, mattonato di nero, chiuso dello stesso, munito di tre torri, ognuna con finestrella tonda di nero e merlata alla guelfa di tre, la torre centrale più alta e più larga e sormontata dall'aspide di verde, posta a guisa della lettera S maiuscola, con la testa rivoltata e linguata dello stesso. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di Roccapiemonte
D'argento al castello di rosso, caricato di una fascia di verde. Lo scudo sarà cimato da corona formata da un cerchio di muro d'oro aperto di quattro porte, sormontato da otto merli dello stesso uniti da muricciuoli d'argento
Stemma di Romagnano al Monte
Su sfondo celeste è sospesa una piccola torre con una porta centrale e quattro piccoli merli. Sotto la torre scorre un fiume azzurro delimitato ai due lati destra e sinistra da piloni di pietra
Stemma di Sala Consilina
D'azzurro, alla cortina di muro di rosso, mattonata di nero, fondata in punta e uscente dai fianchi, munita di tre postierle, poste due, una, di nero, essa cortina sostenente tre torri di rosso, mattonate di nero, merlate alla ghibellina di tre, chiuse e finestrate di nero, la torre centrale più larga e più alta, cui è appoggiata a sinistra la scala a pioli, alta quanto la torre, posta in banda alzata, sostenuta dalla cortina, di argento. Ornamenti esteriori da Città
Stemma di Salerno
Troncato: nel PRIMO d'azzurro alla mezza figura di San Matteo al naturale; barbuto e canuto,aureolato, sormontato da corona murata, uscente dalla partizione, drappeggiato di rosso e di verde, poggiante la mano sinistra sull'orlo superiore delle pagine aperte del Libro del Vangelo, tenente con la destra una penna d'oca; nel SECONDO fasciato d'oro e di rosso. Ornamenti esteriori da Città
Stemma di San Cipriano Picentino
Interzato in palo: il PRIMO e il TERZO, di azzurro, il SECONDO, di verde, all’aquila con il volo abbassato, attraversante, d’oro, cornata con corona d’oro di cinque fioroni visibili, dello stesso. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di San Giovanni a Piro
Un albero di pero tra due leoni rampanti
Stemma di San Mauro Cilento
Di azzurro, alle due torri di due palchi, di rosso, mattonate di nero, ogni palco merlato alla guelfa di quattro, il palco inferiore munito di grande finestra di nero, il palco superiore di due finestrelle, dello stesso, ordinate in fascia, esse torri, ordinate in fascia, poste in ombilico, accompagnate in capo dal torrione di rosso, mattonato di nero, merlato alla guelfa di quattro, munito di grande finestra, dello stesso. Ornamenti esteriori da Comune
Stemma di San Pietro al Tanagro
D'azzurro, a due chiavi disposte in croce di Sant'Andrea, con gli ingegni all'ingiù, sormontate dal triregno pontificio, circondato da cinque stelle di sei raggi, il tutto d'oro
Stemma di San Rufo
Scudo in cuore fondo d'argento con due lance incrociate, aste color legno, punte triangolari in ferro, color ferro; al centro, in senso perpendicolare, un bastone a foggia di scettro dal color legno; ai lati dello scudo in cuore sulla sinistra la lettera "O" e sulla destra la lettera "M"; detti elementi sono rappresentati entro uno scudo di foggia sannitica, sormontato dalla corona regolamentare di Comune, del colore argento, murato in nero e circondato da due rami di quercia e di alloro legati in decusse da un nastrino tricolore
Stemma di Sant'Arsenio
D'azzurro, ad un santo eremita vestito di nero, con la testa circondata da un'aureola d'oro, tenente nella destra una ghirlanda di bacche di cipresso e nella sinistra un pastorale, sostenuto da un breve terrazzo di verde movente dalla punta dello scudo, il tutto cucito
Stemma di Santomenna
Riporta l'effige di San Menna Martire
Stemma di Sanza
Tre picchi di montagne di colore verde sormontati da un cervo di colore marrone chiaro rivolto ad ovest. Sulle montagne e sul cervo è la volta celeste. Il tutto è racchiuso in una forma geometrica lineare a scudo con bordo dorato costituita da un lato superiore orizzontale più corto, due lati verticali più lunghi ed il lato inferiore arrotondato con punta rivolta verso il basso. Tale scudo è sovrastato da corona turrita, multi merlata, dorata
Stemma di Sarno
D'azzurro, all'ippogrifo al naturale, tenente con la zampa anteriore una testa di ariete e poggiato con le altre zampe sopra tre monti, dai quali scaturiscono tre sorgenti che formano un fiume, il tutto al naturale. Lo scudo è sormontato da corona di città
Stemma di Valle dell'Angelo
Un albero con due leoni rampicanti
Stemma di Vietri sul Mare
Scudo diviso in due campi di cui quello inferiore rappresenta il mare e quello superiore rappresenta due scogli, denominati: "I DUE FRATELLI", simbolo paesaggistico locale, su fondo naturale. Tale scudo è sormontato da una corona Turrita e nella base inferiore è circondato da un ramo di quercia, a destra, e da un ramo di alloro, a sinistra, uniti, alla base, da un nastro tricolore. Sopra tale scudo è riportata la scritta: "VIETRI SUL MARE - COMUNE DI ANTICA TRADIZIONE CERAMICA"

Per segnalare aggiunte o correzioni da effettuare sulla scheda della provincia di Salerno, inviaci un'email

Pagine Utili
Stemma della Provincia
Stemma Campania
Dati Provincia di Salerno
Lista Indirizzi Comuni
Province in Campania

Cerca nel sito


 
Comuni-Italiani.it © 2004/2017 Prometheo  

Informativa Privacy - Note sui Dati