Comuni Italiani Le origini della regione Liguria, l'evoluzione politica, le vicissitudini, notizie storiche.
Cerca nel sito

Storia Liguria

La Liguria fu abitata a partire dal Neolitico dai Liguri; è ancora oggetto di dibattito scientifico se si tratti di una popolazione indoeuropea, semmai imparentata con le popolazioni celtiche antiche, o preindoeuropea. Intorno al IV secolo si insediarono altre tribù celtiche e fenicie.

La Liguria venne conquistata dai Romani nel II secolo a.C. e formò la IX regione augustea insieme al Nizzardo, e l'odierno Piemonte. I popoli Liguri si dimostrarono acerrimi nemici dei Romani, alleandosi sia con i Cartaginesi, sia con i Galli, e la pacificazione della regione fu ottenuta attraverso cruenti massacri e deportazioni forzate.

Con la caduta dell'Impero Romano il territorio si restrinse al lembo costiero fra il Magra e il Vara. Venne occupata da Goti, Bizantini, Longobardi e Franchi ed, infine, divisa fra più stati feudali (sotto l'influenza dei Marchesati piemontesi).

Sul finire del mille sale alla ribalta la potenza egemone di Genova, prima libero comune, poi repubblica marinara, in lotta con Venezia per il primato nel controllo delle rotte fra Mediterraneo e Oriente (Battaglia di Curzola; 1298. Battaglia di Chioggia; 1381). Con l'eccezione di una piccola parentesi sotto i Visconti, la Francia e il Sacro Romano Impero, Genova vive la sua età dell'oro sotto il doge Andrea Doria (1528) imponendo progressivamente la sua egemonia in tutta la regione, spostando il centro del potere economico dai commerci marittimi sul Mediterraneo alla finanza e alle rotte transoceaniche attraverso la gloriosa istituzione del Banco di San Giorgio che finanziava i commerci che la Spagna aveva con le ricche colonie d'oltremare.

La Liguria e Genova legano le proprie fortune alla Spagna. Il lento declino di quest'ultima fra il seicento e il settecento, con la sconfitta dell'invicibile armada da parte degli inglesi, la perdita dei Paesi Bassi con la Pace di Westfalia e la guerra di successione spagnola, coincide con l'indebolimento della Superba, cinta d'assedio a nord dal Piemonte dei Savoia, fino alla conquista napoleonica e la costituzione della repubblica ligure nel 1797. L'età napoleonica si conclude con l'annessione della regione al Regno di Sardegna.

La Liguria è protagonista del Risorgimento dando i natali a personaggi come Mazzini, Nino Bixio, Goffredo Mameli, il nizzardo (prima della francesizzazione della città) Giuseppe Garibaldi. Già prima dell'Unità d'Italia la regione è una delle aree guide della rivoluzione industriale e si assiste a rapidi processi di urbanizzazione e notevoli tensioni sociali legate alle lotte del movimento operaio.

A Genova, difatti, nasce il Partito Socialista Italiano nel 1892.

La presenza di cantieri navali e le industrie belliche alla Spezia e Genova fanno registrare nella prima metà del Novecento alti tassi di sviluppo, legati anche alle politiche di intervento pubblico dell'IRI; durante le guerra, la regione patisce molte sofferenze a causa di incessanti bombardamenti navali e aerei. In Liguria, dopo l'otto settembre, sorse un forte movimento di Resistenza.

La ricostruzione postbellica coincide con l'apogeo della grande fabbrica fordista; sorgono grandi imprese siderurgiche, acciaierie e la Liguria è oggetto di forti ondate migratorie dal mezzogiorno d'Italia che mutano drasticamente il tessuto urbano e sociale della regione, attraverso la costruzione di grandi quartieri popolari.

La presenza della "grande fabbrica" e del forte tessuto operaio rende la regione un centro nevralgico degli anni di piombo.

Per segnalare aggiunte o correzioni da effettuare sulla scheda della regione Liguria, inviaci un'email

Pagine Utili
Informazioni Liguria
Foto Città liguri
Stemma Regione Liguria
Lista Province
Geografia
Mappa Genova



 
Comuni-Italiani.it © 2004/2017 Prometheo  

Informativa Privacy - Note sui Dati